The Diary: Tom Hiddleston (by Tom Hiddleston)

(Financial Times, Life & Arts, March 3, 2011)

Before deciding to become an actor, I read Classics at university and my favourite lyric poetic epic is still the Odyssey. Homer’s eponymous hero – the guy we’re all rooting for – is a man of many wiles: a sailor, traveller, warrior, lover, and adventurer. But perhaps the most important reason why Odysseus achieves the glory of eternal renown is simply because, after 10 years in Troy, and a further 10 at sea, he makes it back home. He returns to his family: to his wife Penelope, to his father Laertes, and to his son Telemachus. His very status as a hero depends upon the success of his return home.

I was thinking about Odysseus last weekend at Los Angeles International airport. As Colin Firth accepted his heroic, long-deserved best actor Oscar for The King’s Speech – a familial odyssey for George VI of a slightly different kind – I was on my way home. I caught the early part of the ceremony in the departure lounge, and boarded my London-bound Virgin Atlantic flight just moments after Kirk Douglas had shown us what old-fashioned-movie-star charisma used to be. So I calculate that at near enough the exact moment that Colin Firth’s feet left the ground so, too, did mine (in a more obviously practical sense). I fell asleep during take-off. I’m not sure Colin Firth has landed yet.

I had been in LA to help put the finishing touches to Marvel Studios’ next comic book super-hero adventure movie, Thor, directed by Kenneth Branagh, starring Chris Hemsworth, Natalie Portman and Anthony Hopkins. I’m proud to say that I am continuing a long tradition of British baddies and play the film’s villain, Loki, Thor’s younger brother and the Norse god of mischief.

It is a Marvel comic/epic Norse odyssey all of its own in which Thor, the god of thunder, is cast out of Asgard and has to find a way home. As the damaged and jealous Loki, I do my best to stop him. The film is an explosion of brilliant, bright-coloured thunder and lightning, with stormy family dynamics at its centre, and, I hope, will be huge fun.

I was glad to be coming home, though, not least because I was coming back for the release of another, very different film, of which I am extremely proud.  Archipelago is the new feature written and directed by Joanna Hogg. It’s her second film.

Her first, Unrelated (2007), was my first job, just two weeks out of drama school, and Joanna and I were as surprised as anyone when the film was taken up and championed by critics and audiences alike, and Joanna was hailed as a new, astonishingly confident, British auteur. I played Oakley, an arrogant, irresponsible, sexually cavalier 19-year-old, and both learned invaluable lessons about the craft of screen acting, and won some stripes on my lapel to be proud of.

In Archipelago, I play Edward, a 28-year-old who has just left a burgeoning career in an investment bank, and has committed to the beginning of his own personal odyssey: 11 months of voluntary service with Aids-suffering communities in Uganda. His mother and sister have organised a family trip to Tresco, 25 miles off the coast of Cornwall, as a send-off. They are all hoping his father will come down to the island later on, but he never materialises. As you may have guessed, the tensions created by his struggle for personal freedom and self-definition, outside of the family unit, are crushing and suffocating.

In order to define himself, Edward needs to travel, to journey, to adventure, to set sail, in order to be able to come back, to come home.

Joanna Hogg is unique, because she makes films about the people she knows – the English upper-middle-classes – and in a manner inspired by the film-makers she loves – Eric Rohmer, Michael Haneke, and Yasujiro Ozu. I don’t know anyone like her. She makes very European films about very British people. Her work is unashamedly austere, challenging, and open-ended. The camera is still, the takes are long, the pace is slow. Her characters are quiet, passive, often remote. Nothing much happens, nothing much is resolved. But beneath the surface is a quiet desperation, an undercurrent of a powerful subtext begging to be articulated. In my playing of Edward, Joanna asked me for a vulnerability, a compassion, a sensitivity, for the quiet pain of a young man who bottles up all his own emotions lest they take up space in the room. It’s very English in a very particular way. It rarely gets put at the centre of a story in cinema. Most of us understand drama as arising from conflict. Drama is extremity. That’s what the Greeks tell us. Or is it?

One week after shooting wrapped on Archipelago, I sold my flat in Kentish Town. One week after that, I moved into an architect’s studio in Venice Beach, California – my home for the six months it took to make Thor, and I’m unashamed to say they were some of the happiest of my life.

I ran along the Pacific coast every Saturday morning, with the sun on my face, in February, and never for one second took it for granted. One month into Thor and I was off again – this time for my sister’s wedding – to Chennai, in India, where she now lives with her husband Yakov, and where they hope to start a family.

Five days of blindingly bright Indian colour and non-stop Bollywood dancing accomplished, and then I was back and happily ensconced in Venice, and, like Odysseus with Calypso, I thought I’d be there forever. But home called me back, and before I knew it I was in London again, preparing for Woody Allen’s Midnight in Paris (guess where?), and the prospect of a role in Steven Spielberg’s film adaptation of War Horse.

I left drama school in the summer of 2005. It has been the most amazing odyssey ever since. I’ve worked in Paris, Moscow, New York, Milan, Reykjavik, Brussels, Ystad in Sweden, Santa Fe in New Mexico, Los Angeles and, of course, London. I never know where the wind will take me next. I often miss my family when I’m away. And yet, every film, every story is about family in some way.

While we were filming Thor, Anthony Hopkins once leant over and whispered, «You know, all the great actors – James Mason, Robert Mitchum, Peter O’Toole, Richard Burton – they were all such open, charming, optimistic people, but they each had a little suitcase of pain, and that’s what made them great».

I have lived out of many suitcases, and it’s my frequent professional obligation to turn up on set and excavate some pain. Sometimes you have to go a long way round the houses to come home. I haven’t had to fight quite so many gods and monsters as Odysseus. But it’s been one hell of a journey, so far.

§§§

(traduzione libera ad opera delle admin del sito)

IL DIARIO: TOM HIDDLESTON

di Tom Hiddleston

(Financial Times, Life & Arts, 3 Marzo 2011)

Prima di decidere di diventare un attore, ho letto i Classici della letteratura all’università e la mia opera epica preferita rimane l’Odissea. Eroe eponimo di Omero – il ragazzo per cui tutti tifiamo – Odisseo è un uomo di molte astuzie: un marinaio, viaggiatore, guerriero, amante e avventuriero. Ma forse la ragione più importante per cui Ulisse (Odisseo) raggiunge la gloria della fama eterna è semplicemente perché, dopo dieci anni a Troia, e altri dieci in mare, egli fa ritorno a casa. Ritorna dalla sua famiglia: da sua moglie Penelope, suo padre Laerte, e da suo figlio Telemaco. La sua stessa condizione di eroe dipende dal successo del suo ritorno a casa.

Stavo pensando ad Ulisse lo scorso fine settimana presso l’aeroporto internazionale di Los Angeles. Mentre Colin Firth accettava il suo eroico, e grandemente meritato Oscar come miglior attore per “Il discorso del re” – un’odissea familiare per George VI di tipo leggermente diverso – io ero sulla strada di casa. Ho guardato la prima parte della cerimonia nella sala partenze, e mi sono imbarcato sul mio volo diretto per Londra della Virgin Atlantic pochi istanti dopo che Kirk Douglas aveva mostrato a tutti noi il naturale carisma delle affascinanti star di del cinema di una volta. Così ho calcolato che pressa poco nel momento esatto in cui i piedi di Colin Firth si muovevano dal terreno, io facevo lo stesso (nel senso più pratico del termine, ovviamente). Mi sono addormentato durante il decollo. Non sono sicuro che Colin Firth sia ancora sbarcato.

Ero stato a Los Angeles per aiutare a mettere a punto gli ultimi ritocchi al prossimo fumetto della Marvel Studios basato sul film del super eroe Thor, diretto da Kenneth Branagh, interpretato da Chris Hemsworth, Natalie Portman e Anthony Hopkins. Sono orgoglioso di dire che sto continuando una lunga tradizione di cattivi britannici e di interpretare il cattivo del film, Loki, il fratello minore di Thor e dio norreno della malizia.

È un fumetto Marvel epico, una odissea norrena in un certo senso, in cui Thor, il dio del tuono, viene cacciato da Asgard e deve trovare una strada per tornare a casa. Interpretando il danneggiato e geloso Loki, io faccio del mio meglio per fermarlo. Il film è un’esplosione brillante, di tuoni e fulmini luminosi di colore, con al centro le turbolente dinamiche familiari, e, mi auguro, potrà essere di gran divertimento.

Ero contento di tornare a casa, comunque, anche perché stavo tornando per l’uscita di un altro film, molto diverso, di cui sono estremamente orgoglioso. Arcipelago è la nuova opera scritta e diretta da Joanna Hogg.  E ‘il suo secondo film.

La sua prima pellicola, Unrelated (2007), è stato il mio primo lavoro, appena due settimane fuori della scuola di recitazione, e Joanna ed io eravamo sorpresi così come chiunque, quando il film è stato preso e sostenuto da critica e pubblico, e Joanna è stata salutata come una nuova autrice britannica, sorprendentemente promettente. Interpretavo Oakley un diciannovenne, arrogante, irresponsabile, sessualmente altezzoso, ed entrambi abbiamo imparato preziose lezioni sul mestiere della recitazione cinematografica, e ho guadagnato alcuni riconoscimenti di cui essere orgoglioso.

In Arcipelago, interpreto Edward, un ventottenne che ha appena lasciato una carriera fiorente in una banca d’investimento, e si è impegnato intraprendendo la sua odissea personale: 11 mesi di volontariato presso le comunità malate di AIDS in Uganda. La madre e la sorella hanno organizzato un viaggio di famiglia a Tresco, a 25 miglia al largo della costa della Cornovaglia, come commiato. Stanno tutti sperando che suo padre raggiunga l’isola in seguito, ma egli non si materializza mai. Come avrete intuito, le tensioni create dalla sua lotta per la libertà personale e di auto-definizione, al di fuori del nucleo familiare, sono schiaccianti e soffocanti.

Per definire se stesso, Edward ha bisogno di viaggiare, compiere un percorso, di avventura, di prendere il largo, in modo da essere in grado di tornare, di tornare a casa.

Joanna Hogg è unica, perché lei gira film sulle persone che conosce – le classi inglesi medio-alte – e ispirandosi ai cineasti che ama – Eric Rohmer, Michael Haneke, e Yasujiro Ozu. Io non conosco nessuno come lei. Fa film molto europei su persone molto britanniche. Il suo lavoro è spudoratamente austero, stimolante, e aperto. La cinepresa è immobile, le riprese sono lunghe, il ritmo è lento. I suoi personaggi sono tranquilli, passivi, spesso distaccati. Niente succede, niente viene risolto. Ma sotto la superficie vi è una disperazione silenziosa, un sottofondo dal forte sottinteso che chiede di essere espresso. Nel mio modo di interpretare di Edward, Joanna mi ha chiesto una vulnerabilità, una compassione, una sensibilità, per il dolore silenzioso di un giovane uomo che reprime tutte le proprie emozioni per timore che risultino ingombranti. È molto inglese in un modo del tutto particolare. Raramente questo viene messo al centro di una storia nel cinema. La maggior parte di noi comprende il dramma che deriva dal conflitto. Il dramma è il momento più estremo. Questo è ciò che i greci ci dicono. Oppure lo è?

Una settimana dopo la fine delle riprese di Arcipelago, ho venduto il mio appartamento a Kentish Town. Una settimana ancora dopo, mi sono trasferito nello studio di un architetto in Venice Beach, California – la mia casa per i sei mesi che ci sono voluti per girare Thor, e non mi vergogno nel dire che essi sono stati alcuni dei più felici della mia vita.

Correvo lungo il litorale del Pacifico ogni Sabato mattina, con il sole sul viso, nel mese di febbraio, e mai per un secondo ho dato tutto questo per scontato. Un mese di Thor ed ero di nuovo in viaggio- questa volta per il matrimonio di mia sorella – a Chennai, in India, dove vive con il marito Yakov, e dove sperano di mettere su famiglia.

Cinque giorni di accecante colore indiano-completati con danze stop non in stile Bollywood, e poi sono rientrato, felicemente alloggiato a Venezia, e, come Ulisse con Calypso, ho pensato di poter rimanere lì per sempre. Ma la mia casa mi ha richiamato indietro, e prima di rendermi conto che fossi di nuovo a Londra, mi stavo già preparando per Midnight in Paris di Woody Allen (indovinate dove?), e con la prospettiva di un ruolo nell’adattamento cinematografico di War Horse di Steven Spielberg.

Ho lasciato la scuola di teatro nell’estate del 2005. Da allora è stata la più incredibile odissea di sempre. Ho lavorato a Parigi, Mosca, New York, Milano, Reykjavik, Bruxelles, Ystad in Svezia, Santa Fe in New Mexico, Los Angeles e, naturalmente, a Londra. Non so mai dove il vento mi porterà la prossima volta. Spesso quando sono via sento la mancanza della mia famiglia. Eppure, ogni film, ogni storia parla di famiglia in qualche modo.

Mentre giravamo Thor, Anthony Hopkins, una volta si chinò e sussurrò: «Sai, tutti i grandi attori – James Mason, Robert Mitchum, Peter O’Toole, Richard Burton – erano tutti così disponibili, affascinanti, persone ottimiste, ma ognuno portava con sé un piccolo bagaglio di dolore , e questo è ciò che li ha resi grandi».

Ho vissuto spostandomi molto, ed è mio usuale obbligo professionale presentarmi sul set e tirar fuori un po’ di sofferenza. A volte è necessario percorrere un lungo pellegrinaggio per tornare a casa. Non ho dovuto lottare come Ulisse con così tanti dei e mostri. Ma è stato un viaggio davvero arduo, finora.

(Source:http://www.ft.com/cms/s/2/792b1a2c-45e3-11e0-acd8-00144feab49a.html#axzz3UT7bUInT )

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com