All That You Can’t Leave Behind

Diary Entry by Tom Hiddleston
HMP Pentonville, 20th December 2001
‘You thought you’d found a friend
To take you out of this place…
It’s a beautiful day….’            
 
            U2, All That You Can’t Leave Behind. 

It’s not exactly Shakespeare, but it’s a good place to start. These were the words I heard (in Bono’s [see photo above] euphoric cry) as I sipped the froth off a late morning coffee in a cafe up the Caledonian Road, just opposite HMP Pentonville. And a beautiful day it was. I had walked all the way from Oxford Circus. It was the 20thof December – but the sun, in a rare moment of compassion for its earthly progeny, had its hat on, and the sky was a deep, mediterranean blue. Walking in the sunshine it wasn’t all that cold. In fact, it was lovely. When I saw the bars on the windows of the prison I realised what a privileged position I was in. Just being able to walk in the sun. It’s a cliché, but it brings one’s perspective sharply into focus.

I sincerely believe that the LSW Prison Project brings a little bit of that outside light into the inside. To go back to U2, for one afternoon we were some ‘friendly’ faces ‘to take them out of that place’, not with sunshine, but with Shakespeare.

Bruce had come up to Cambridge to do a student workshop, so I was familiar with some of routine, but I confess to underestimating the overwhelming impact that it has on the inmates. It is truly inspiring. People in Cambridge complain that Shakespeare’s plays are over-performed within the university (there are probably about twenty a year). My day in Pentonville brought home a stark reality: we don’t know how lucky we are.

Once inside, after a quick rehearsal of the afternoon’s routine, the inmates shuffled in. Introductions were enthusiastic and friendly on both sides. No ‘us’ and ‘them’ – the groups merged immediately. For an afternoon, in that little room, with a blackboard on which was scrawled ‘Prisoners Have Rights’, we were just a group of people playing around with words. Bruce got the ball rolling with a round of ‘Eyes Up’, and by the time we got to ‘Bunny’ – in which it is impossible not to look ridiculous – there were smiles all round. 

Bruce’s three-tonal ‘dance’ got everybody warmed up. I think that has to be one of my personal favourites. It’s so completely unifying. There’s something visceral and primal in its simplicity of communication – through sound and action. Each group of sounds is so instinctive and expressive and everyone does it together. And after all that’s what theatre is about to some extent: the collective representation and communication of universal emotions.

A hearty chorus of “Chastity Belt” followed, superbly acted out by some of the LSW team in fittingly pantomimic fashion – and warmly received by all. After a good round of insult-flinging (myself completely ‘out-insulted’ by my opposite man), my co-actors (inmates included) and I had fun dramatising some famous quotations on the primary importance of the concept of ‘play’. [Note to Bruce: I’ve since found another one by the way! “The secret to perpetual youth is to keep making time to play” (Voltaire)]. Next, we moved on to the “Dream” exercise. Various Lysanders, Demetriuses and Helenas were given a few lines and their metaphorical ‘love-juice’ (raising many a snigger from the audience) and asked to play out a whole scene, with only those lines. The inmates capitalised beautifully on the comic potential, one of whom chased his Helena endlessly around the circle, entranced and repeating only ‘goddess’ in all manner of intonations, while his opposite Lysander stood centre-stage in disbelieving awe, chastising his Helena with a simple ‘Why?’.

Lastly, we came to what must always be the highlight: ‘WitSlings’. Some of the mini-sonnets that the inmates come up with (in perfect iambic) merit judgement in their own right. They are written with such a truthful simplicity and (often) lyricism that is astonishing. But what was I expecting? I have since told myself off for being so ‘astonished’ – a.k.a blindly prejudiced. The lines that my partner Graham wrote, framed by two Shakespearean openings from different sonnets, deserve quotation. He envisaged a mother and a son, kneeling in a church, whispering to each other:

Mother:            No longer mourn for me when I am dead,
For always shall my memory live with you.
Care for your sisters – you are household-head.

Son:                 Without your guide I know not what to do.

Mother:            Fear not, my soul, I will be standing by.

Son:                 I thank you, and your words do reassure.

Mother:            Tir’d with all these for restful death I cry.

This was then beautifully transposed into song by Sarah-Louise Young. Watching Graham’s face as his words were sung back to him was very moving – for him, no doubt, ‘such stuff as dreams are made on’.

When the session came to an end, I looked at my watch and realised that four hours had flown by, and that it was now dark outside. We had all forgotten ourselves – all of us, actors and inmates. Marcus, one of the most enthusiastic of the group, came up to shake my hand. ‘Happy Christmas’, he said. ‘You too’, I replied, and then realised what I’d said. But maybe that’s not so bad. There is no doubt in my mind that Bruce and all involved with LSW that afternoon went some way to making all their Christmases just that little bit brighter.

(source: http://www.londonshakespeare.org.uk/prisondiaries/allthat.htm)

§§§

(Traduzione libera ad opera delle admin del sito)

Nota (Questo articolo risale al 2001, anno in cui Tom, al suo ultimo anno a Cambridge, prese parte al LSW Prison Project, nato e realizzato per portare il teatro nelle carceri inglesi).

Tutto ciò che non puoi lasciarti alle spalle

Diario di impressioni scritto da Tom Hiddleston

HMP Pentonville, 20 dicembre 2001

Pensavi di aver trovato un amico

che ti portasse via da questo posto

E’ un giorno bellissimo…

U2, All that you can’t leave behind

Non è propriamente Shakespeare, ma è un buon punto di partenza. Queste sono le parole che ho sentito (con il grido euforico di Bono) mentre sorseggiavo la schiuma del mio caffè, stamattina, in un bar in Caledonian Road, proprio davanti al penitenziario HMP Pentonville. Ed è stata davvero una bellissima giornata. Ero arrivato lì a piedi da Oxford Circus. Era il 20 di dicembre, ma il sole, in un raro momento di compassione per la sua progenie terrestre, aveva indossato il cappello e il cielo era di un profondo blu mediterraneo. Camminando sotto il sole non faceva poi così freddo. In effetti, era piacevole. Quando ho visto le sbarre alle finestre ho capito di trovarmi in una condizione privilegiata. Per il solo fatto di camminare sotto il sole. È un luogo comune, ma ti da la giusta prospettiva sulle cose.

Credo sinceramente che il LSW Prison Project porti un po’ di quella luce esterna lì, all’interno. Tornando agli U2, per un pomeriggio siamo stati delle facce amichevoli che li hanno portati via da quel posto, non con il sole, ma con Shakespeare.

Bruce era venuto a Cambridge per un seminario, quindi avevo familiarità con alcune parti dello spettacolo, ma avevo sottovalutato l’impatto travolgente che determinava sui detenuti. È davvero stimolante. La gente a Cambridge si lamenta di come le opere di Shakespeare siano troppo rappresentate all’interno dell’università (ce ne sono circa una ventina all’anno). Il mio giorno a Pentonville mi ha insegnato una dura realtà: non sappiamo quanto siamo fortunati.

Una volta dentro, dopo una veloce preparazione dello spettacolo pomeridiano, i detenuti si sono mescolati. Le presentazioni erano entusiastiche e amichevoli da entrambi le parti. Nessun noi e loro, i gruppi si sono fusi immediatamente. Per un pomeriggio, in quella piccola stanza, con una lavagna si cui era scarabocchiato “I Prigionieri hanno diritti”, eravamo semplicemente un gruppo di persone che giocavano con le parole. Bruce fece girare la palla per un giro di Su gli Occhi, e quando siamo arrivati a Coniglio, in cui è impossibile non sembrare stupidi, tutti stavamo sorridendo.

La danza per il riscaldamento della voce di Bruce aveva entusiasmato tutti. Penso sia stato uno dei miei momenti preferiti. E’ molto unificante. C’è qualcosa di viscerale e primitivo nella sua semplicità di comunicazione, attraverso il suono e l’azione. Ogni gruppo di suoni è talmente particolare e espressivo o tutti lo fanno insieme. E dopotutto il teatro è proprio questo in un certo senso: la rappresentazione collettiva e la comunicazione di emozioni universali.

E’ seguito un coro caloroso di Chastity Belt, interpretato superbamente da alcuni della squadra del LSW in forma di pantomima e accolta calorosamente da tutti. Dopo un giro di lancio-di-insulti (io sono stato battuto dal mio rivale), i miei colleghi (detenuti inclusi) e io ci siamo divertiti a drammatizzare alcune famose citazioni sulla fondamentale importanza del concetto di rappresentazione (gioco). [Nota per Bruce: ne ho trovata un’altra comunque! Il segreto dell’eterna giovinezza è trovare sempre il tempo di giocare. (Voltaire)]. Dopodiché, siamo passati all’esercizio denominato Sogno. Sono stati distribuiti i ruoli di Lisandro, Demetrio e Elena con alcune battute e la metaforica pozione d’amore (il che ha sollevato molte risatine tra il pubblico) ed è stato chiesto di interpretare un’intera scena, con solo quelle battute.

I detenuti hanno messo l’accento sull’aspetto comico della situazione, uno di loro inseguiva Elena in cerchio senza sosta, come in trance, continuando a ripetere mia dea in tutte le intonazioni possibili, mentre Lisandro stava al centro della scena incredulo, continuando a ripetere a Elena Perché?.

Infine, quella che è sempre la parte migliore: gli WitSlings (poesie scritte partendo da versi di Shakespeare, ndt). Alcuni dei brevi sonetti composti dai detenuti (in giambico perfetto) erano molto buoni nel loro piccolo. Erano scritti con una tale semplicità e verità, e (spesso) con una lirica sorprendente. Ma cosa mi aspettavo? Mi sono detto per essere rimasto tanto stupito, ovvero ottusamente prevenuto. I versi  che il mio collega Graham ha scritto, che iniziano e si concludono con parole prese da due diversi sonetti di Shakespeare, meritano di essere citate. Ha immaginato una madre e un figlio, inginocchiati in una chiesa, che sussurrano l’un l’altro:

Madre: Non piangere per me quando sarò morta,

perché il mio ricordo vivrà in te.

Prenditi cura delle tue sorelle, sei tu il capofamiglia.

Figlio: Senza la tua guida non so cosa fare.

Madre: Non avere paura, anima mia, ti sarò vicino.

Figlio: Ti ringrazio, le tue parole mi rassicurano.

Madre: Sono stanca ora, imploro la morte.

Questi versi furono poi trasposti in canzone da Sarah-Louise Young. Guardare il volto di Graham mentre le sue parole venivano cantate davanti a lui è stato molto commovente , per lui, senza dubbio, di questa materia sono fatti i sogni.

Quando la sessione è giunta al termine, ho guardato il mio orologio e mi sono reso conto che le quattro ore erano volate, e che fuori era oramai buio. Avevamo dimenticato noi stessi, tutti noi, attori e detenuti.

Marcus, uno dei più entusiasti del gruppo, venne a stringermi la mano «Buon Natale», disse. «A te!», risposi, rendendomi conto troppo tardi di quello che avevo detto. Ma forse non era poi così male. Non ho alcun dubbio che Bruce e tutti coloro coinvolti nel progetto LSW quel pomeriggio abbiano in qualche modo reso il loro Natale un po’ più luminoso.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com